Iko Bologna_Resin

Non solo linearità: la resina per un interior design a misura d’uomo

Spesso la scelta della resina per la pavimentazione di esercizi commerciali è motivata dai tanti vantaggi che questo materiale garantisce in termini di praticità, ma non sono da meno le potenzialità di declinazione estetica che offre.

In questo senso, un caso interessante è quello del ristorante giapponese Iko Bologna, appartenente a una delle più importanti catene di ristoranti giapponesi in Italia, per il quale Resìn ha recentemente avuto il piacere di posare la resina della pavimentazione.

Commissionato da Sprint Gas S.p.A. in conseguenza della qualità riscontrata in nostre precedenti realizzazioni per il medesimo cliente, questo lavoro ci dà la possibilità di mostrare come la resina si presti davvero a qualsiasi esigenza estetica.

Nel caso di Iko Bologna, infatti, il progetto architettonico a cura dell’architetto Carlotta Menarini dello studio Iascone, mirava a ottenere un ambiente pulito, fresco e soprattutto con una forte attitudine naturalistica. La scelta di arredamenti in legno chiaro, la presenza di molte piante verdi e l’impiego del bambù come elemento arredativo, testimoniano proprio questo desiderio.

La collaborazione tra l’Architetto e gli esperti tecnici di Resìn ha così portato allo studio e alla posa di una resina spatolata color sabbia con sfumature più chiare per ottenere un effetto mosso. Pavimentazione in resina che ha interessato entrambi i piani del ristorante e tutti i suoi ambienti, compresi i bagni e le scale.

Una resina la cui cromia si abbina perfettamente al bambù, presente in tutto il ristorante nelle coperture di pareti e soffitti, e che s’inserisce così come materiale di collegamento tra i vari elementi che cooperano alla creazione del mood desiderato per l’intero locale, un mood che intende richiamare e far propri gli stilemi della cultura giapponese, in cui eleganza, coerenza, sobrietà, bellezza e rispetto sono valori fondamentali da tradursi in ogni cosa.

Ecco allora un’ottima dimostrazione di come la resina non sia solo la soluzione migliore per un design pop, iper-contemporaneo, dominato da linearità estrema e forme pure, ma di come in realtà la resina si presti perfettamente anche a interior design più morbidi, caldi, ammantati di tranquillità e naturalezza, senza per questo perdere nulla in termini di praticità e bellezza.

Lascia un commento